Il vero amore è una scelta

Quello che si sveglia la mattina nel mio letto è un anti-me. Un cattivissimo-me, o forse, come dice mia madre, il mio vero me. Non parlo con nessuno, faccio tutto in silenzio, col cappuccio della felpa tirato fino a davanti gli occhi. Sono metodico, abitudinario. Mi alzo per primo, inforco gli occhiali, raccolgo il telefono e scendo al piano di sotto. Preparo le caffettiere, tiro fuori dal frigo e dagli armadietti quello che serve per la colazione. Bagno, che è sempre una corsa, perché la moka – pardon, le moke – sono già calde. Tablet. Huffington Post, Il Fatto Quotidiano, L’Internazionale.

Una lettura veloce, i titoli, le immagini, cerco di capire cosa è successo il giorno prima e cosa c’è in corso oggi. Per quanto io riesca a connettere alle sei e trenta del mattino. Non leggo mai un articolo fino in fondo, li salvo negli interessi, per leggerli quando ho più tempo e più lucidità.

Ma stamattina mi sono imbattuto – direi scontrato – in un articolo che mi ha colpito in particolare. Dall’Huffington Post, Il vero amore è una scelta. L’articolo lo potete leggere qui. È il punto di vista di un ragazzo, uno scrittore, Seth Adam Smith – che ha anche un blog, sethadamsmith.com – particolarmente attivo sul versante depressioni croniche, tentati suicidi, drammi e disperazioni della vita (il mio punto di vista sulla depressione lo esprimerei anche, ma ho sempre incontrato grande resistenza e attirato parecchi e colorati epiteti, quindi lo rimanderei ). Comunque, tutta quella roba che a me piace.

In breve, Seth Adam ci arrimina n’ata vota la minestra di E l’amore è un impegno, E l’amore va costruito, E l’amore lo scegli, E l’amore lo coltivi. Insomma, tutti qui ad aspettare il principe azzurro, il licantropo sulla motocicletta, il vampiro col Cayenne, e questo ci viene a spiegare che E ma no, l’amore te lo scegli, mica è che arriva quando meno te lo aspetti. L’hai proprio deciso tu, quando lo trovi. Capite? Come Seth Adam con sua moglie, amici al liceo, marito e moglie da adulti. Dopo aver capito di essere fatti l’uno per l’altra, e aver scelto consapevolmente di voler costruire qualcosa insieme. Mah. Ammetto che la questione mi lascia non poco scettico, perché se ci penso davvero mi immagino Seth Adam seduto su una poltrona rossa che si gira al volo, al grido di I want you! quando quella che decide essere la donna della sua vita zompa sul palco. Prima che se la fotta qualcun altro. Scusate, prima che la scelga qualcun altro.

Eppure l’argomento non mi ha lasciato indifferente. “Mi rendo conto che pianificare di amare qualcuno (o scegliere di farlo) in realtà è uno degli aspetti più belli dell’amore.” Ho dovuto rileggere questo passaggio un sacco di volte, per capirlo. E ogni volta ammetto che ha scalfito un po’ di più il cinismo insito per natura nel mio cervello cocciuto.

E così ho cominciato a domandarmi Ma davvero l’amore ci capita? Vediamo davvero quella coheliana luce accecante sulla spalla destra di qualcuno e allora è la persona giusta per noi? Davvero sbattiamo contro qualcuno in metropolitana e allora smattiamo per trovarlo su facebook, fare le oche su twitter e spiarlo su pintarest, instacazzi e mazzi? L’amore ci capita?

Quando le mie storie sono finite, alcuni per consolarmi mi hanno detto che non era adatto a me, che io sono troppo, che il meglio deve ancora venire. Non era amore, altrimenti sarebbbe semplicemente stato. Vero, ma non è forse più corretto dire che non ci siamo scelti? Ci siamo piaciuti d’impatto, ci siamo piaciuti caratterialmente, ci siamo piaciuti anche sdraiati sulla schiena con la faccia affossata nel cuscino, nudi, a letto. Non adatto a me cosa non adatto?! A me piaceva. A lui piacevo. Non ha funzionato, ma nessuno era migliore o peggiore, nessuno era inadatto. Quindi posso immaginare che non ci siamo scelti, che non abbiamo sentito di volerci impegnare reciprocamente, nonostante alla base ci fossero buone premesse. Perché nell’amore può succedere, e anche una cosa che sembra semplicemente destinata a essere può scemare. Ci sono donne che lasciano gli uomini che amano perché non si sentono scelte. Ci sono uomini che aspettano in eterno qualcuno che li scelga e da scegliere.

“Allora capirai che il vero amore non è solo un sentimento euforico e spontaneo. È una scelta volontaria, un piano che prevede di amarvi l’un l’altro nella buona e nella cattiva sorte, in ricchezza e in povertà, in salute e in malattia. Ovviamente, non possiamo scegliere da chi sentirci attratti ma possiamo senza dubbio decidere di chi innamorarci e (cosa più importante) di chi restare innamorati anche dopo.” Cosa è più importante, le farfalle nello stomaco all’inizio o restare poi? Perché all’inizio è facile, è tutto semplice, è tutto batticuore, esplosioni di collant e orgasmi. Ma poi? Ci sarà un momento in cui scopare non equivarrà più a risolvere i problemi. In cui andare al cinema sarà difficile, perché non hai voglia di ridere, nemmeno con la persona che dici di amare, o forse non avrai voglia di ridere proprio con lei. Perché capiterà anche di odiarla, di non soffrirla, di tollerarla quanto basta giusto per non sbattere le porte. E allora forse è vero che bisogna scegliersi. Altrimenti non durereste un giorno in più. No? E forse quello che pensavi fosse amore incondizionato, innato, l’amore letterario, quello di cui scrivono i cantanti, non è altro che la risultante della tua capacità di scegliere di amare qualcuno. Di rimboccarti le maniche per essere presente per quel qualcuno.

E magari senti l’amore potentissimo che ti esplode dentro, e nemmeno te ne sei accorto, ma l’hai costruito tu, non ti è solo scoppiato nel cuore.

Annunci

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Bloodstream ha detto:

    “Mi rendo conto che pianificare di amare qualcuno (o scegliere di farlo) in realtà è uno degli aspetti più belli dell’amore.”
    Più bello non so, sicuramente più difficile. E a me capita sempre di non essere scelto 😀

    Mi piace

    1. andredelarge ha detto:

      Sei uno che si spende molto senza ottenere in cambio?

      Mi piace

      1. Bloodstream ha detto:

        esattamente così!!

        Mi piace

  2. andredelarge ha detto:

    Non smettere! Abbiamo bisogno di persone come te, il mondo ne ha bisogno ❤

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...